[supsystic-show-popup id=122 load="1"]

Posts Taggati ‘Champion’s Touch’

Ballare con il Voucher Welfare. Lo conoscete?

E’ il nuovo pilastro della retribuzione aziendale e consente alle imprese di mettere a disposizione dei propri collaboratori nuovi strumenti a sostegno del reddito, si chiama Easy Welfare e con il suo Welfare Voucher sta spopolando tra le più importanti aziende italiane.

I provider di welfare aziendale sono delle società private che si occupano di sostenere le imprese nelle varie fasi di ideazione, implementazione e monitoraggio di interventi o paini di welfare. Tra queste c’è Easy Welfare che – grazie alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2016 – ha creato Welfare Voucher, il nuovo ed esclusivo prodotto che permette ai dipendenti delle maggiori imprese italiane di accedere a interessanti servizi in maniera facile e veloce, dallo sport all’educazione personale, dai check-up medici al tempo libero.

Nonostante le prestazioni più richieste rimangano istruzione, salute e previdenza, quest’anno il tempo libero ha assunto un’importanza determinante e così, dai viaggi ai biglietti per il cinema passando per le rette mensili di una palestra o di una scuola di ballo, più di 180 aziende italiane eroga un benefit ai propri dipendenti che lo convertono in voucher da impegnare per frequentare, ad esempio, un bel corso di ballo.  

La scuola di ballo Champion’s Touch – anch’essa di Milano – aderisce da oltre un anno a questa interessante iniziativa assieme agli oltre 300 partner convenzionati di tutta Italia ed è la prima scuola di ballo presente all’interno del mondo società welfare e dei nuovissimi voucher aziendali.

Utilizzarlo è facilissimo: basta entrare nella piattaforma network di Easy Welfare e selezionare da una mappa online il partner di interesse, generare un voucher ad hoc, stamparlo e consegnarlo direttamente alla struttura aderente.

Inoltre, il voucher potrà essere utilizzato da te o da un qualsiasi membro della tua famiglia!

In molti hanno già usufruito di questa utile iniziativa.

Che aspetti? Vieni a ballare con i Welfare Voucher!

Richiedilo alla tua azienda!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi Tutto

Sportivo o atleta, quali sono le differenze?

Si tende spesso a considerare il termine atleta un semplice sinonimo di sportivo. In realtà la differenza tra questi due vocaboli è notevole e – soprattutto per coloro che praticano uno sport – risulta fondamentale comprenderne la distinzione.

Etimologicamente la parola atleta deriva dal greco antico ἀθλητής (athletés, da âthlos cioè lotta, gara, competizione). L’atleta, quindi è colui che, nel praticare uno sport, lo fa protendendosi nello sforzo di superare la sfida sportiva e, ancora di più, nello sforzo di superare se stesso e gli obiettivi che si è prefissato.

Non di raro ci si equivoca considerando lo sportivo e l’atleta figure di pari livello, di simile comportamento sportivo, valutando erroneamente entrambi come ‘coloro che praticano uno sport’ e che si applicano in esercizi fisici e allenamento costante.

Ciò, da un certo punto di vista, è sicuramente vero: il training abituale e la preparazione fisica sono difatti elementi essenziali di uno sportivo, ma ciò che manca, rispetto alla più completa figura dell’atleta è, intendetelo bene, il giusto atteggiamento!

Il salto che permette allo sportivo di ritenersi (ed essere considerato da tutti) un vero atleta sta nella specificità di alcune pratiche alle quali – quotidianamente – deve interessarsi.

L’atleta dedica le sue giornate alla cura di sé stesso, al suo corpo, all’esercizio fisico e mentale (soprattutto!), all’alimentazione, alla disciplina, a una serietà che, se portata avanti con rigore e motivazione, faranno di lui un vero Campione.

Ecco quindi qual è la netta difformità tra un ottimo atleta e uno sportivo: quell’ esercizio in più, quell’attenzione particolare che il primo aggiunge al suo allenamento per prendersi cura del suo unico, fondamentale obiettivo.

L’atleta svolge competizioni ad altissimo livello sottoponendo mente e corpo a sforzi elevati, quasi aulici; qui la concentrazione deve essere predominante e la salute mentale – durante le sfide – risulta fondamentale.

E’ in questi momenti – quando la tensione cresce e molto spesso la stanchezza si fa sentire – che l’atleta deve compiere quelle imprese formidabili che lo porteranno alla vittoria.

In questo caso, si trasforma in Campione.

DANCE SPORT SCHOOL

Il vero atleta, talentuoso e forte, è colui che riesce a rendere al meglio anche (e in special misura) nei momento di tensione; è colui che non si abbatte e che nei momento difficili raccoglie le forze e fa la differenza.

Il talento, ricordate, pur essendo molto importante, non è l’unica componente che fa di un’atleta un vero Campione. E’ attraverso il costante allenamento fisico, tecnico, tattico e mentale che il Campione riesce nel suo intento. L’addestramento mentale’ poi, in special misura, è quell’ingrediente che facilita il processo di crescita e quel sognato passaggio dalla stato di atleta a quello di Campione.

I Campioni hanno la dote di riuscire a raggiungere una straordinaria performance nel momento più giusto, nell’attimo adeguato, spesso arrivando anche a conquistare dei risultati migliori di quelli raggiunti in allenamento. La loro vera forza sta nella consapevolezza della loro potenza e nell’umiltà di impegnarsi completamente. Sono dotati di leadership con se stessi e con gli altri.

Il fattore che davvero fa la differenza, quindi, è la ferrea volontà di voler vincere, coadiuvata dalla convinzione di essere loro, i veri atleti, gli artefici della vittoria. 

Ricordate che Campioni non si nasce, si diventa.

Leggi Tutto

È online la nuova Champion’s APP!

 

È online la nuova Champion’s APP!

Questa applicazione è dedicata agli utenti della Scuola di Ballo CHAMPION’S TOUCH, il primo Centro Specializzato di Danza Sportiva con sede a Lainate (MI), che propone corsi di ballo con programmi specifici per adulti e bambini, da chi inizia per divertimento a chi lo svolte come attività sportiva.

E’ uno strumento che permette un facile accesso alle informazioni più richieste, come orari corsi, eventi, servizi, news e sedi, ma anche accesso facilitato al nostro servizio online DANCEONWEB e tanto tanto altro…

Scaricala subito! Clicca o inquadra il codice qui sotto con il tuo iPhone/Android Phone

 

Leggi Tutto

3 2 1 … si parte!

3 2 1 si parte!

Da oggi l’Asd Champion’s Touch è ufficialmente aperta.

 

Settembre è alle porte, si riparte alla grande e noi siamo prontissimi!

I corsi per i già iscritti, iniziano il 1° Settembre…

http://championstouch.it/orari/

Per tutti gli altri abbiamo

preparato un evento speciale… il 16 Settembre!

Guarda quante persone già hanno scelto noi…

(lascia anche tu un commento)

 

http://championstouch.it/welcome/

 

Affrettati…

ti stiamo aspettando!

Leggi Tutto

Olimpiadi 2016: cosa dobbiamo imparare.

 

Si sono da poco concluse le Olimpiadi 2016 a Rio e sicuramente in molti eravamo attaccati agli schermi a godersi lo spettacolo ma forse pochi di noi hanno imparato qualcosa da questi formidabili atleti.

Oggi vi raccontiamo solo alcune storie che possono insegnarci molto:

 

“LA GINNASTA SIMONE BILES CONQUISTA IL MONDO!” 

“Ha grazia, talento, forza, precisione. È la miglior atleta del mondo. Una leggenda. Una tra le più grande ginnaste del nostro tempo.” cosi i quotidiani di tutto il mondo hanno definito Simone Biles, 19 anni, 47 chili, la ginnasta che ha incantato Rio e che ha vinto 5 medaglie d’oro.

La sua storia è una favola bellissima di riscatto. Figlia di una donna con problemi di droga, è stata abbandonata anche dal padre. E’ cresciuta in Texas con la nonna che a sei anni l’ha spinta a dedicarsi alla ginnastica artistica, sport duro ma ricco di soddisfazioni. Su Twitter, ieri,  Simone ha commentato la sua medaglia d’oro così: «Non ho raggiunto tutto questo da sola. Grazie al miglior coach del mondo. I love you». 

Quando si è grandi, lo si è in ogni cosa, rimanendo riconoscenti verso chi ti ha aiutato...

 

Ecco un’altra storia:

Esiste un gesto più sportivo dell’aiutare un avversario in difficoltà?

A Rio si stanno correndo i 5000 donne, la gara sta quasi per finire. Il gruppo frena all’improvviso e la neozelandese Nikki Hamblin cade, l’americana Abbey D’Agostino cade su di lei e mettendo male il piede si procura una distorsione al ginocchio ma, invece di maledire il momento e lamentarsi del dolore, si volta e aiuta la Hamblin a rialzarsi.

Insieme ricominciano a correre sorreggendosi l’una all’altra.

La D’Agostino cade altre due volte e tocca alla Hamblin sorreggerla.

Tagliano il traguardo insieme.. ultime, ma in realtà vincitrici.

Si abbracciano.

Applausi da tutto il pubblico ad Abbey e Nikki, che sono state ammesse di diritto dal Comito olimpico alla finale per spirito sportivo.

In questo caso sono lo spirito olimpico e la sportività a vincere su tutto!

 

Impariamo dai gesti e non solo dalle vittorie!

Leggi Tutto

error: Content is protected!! Copyright ©